CORSO DI MEMORIA:
IMPARA A RICORDARE IN TEMPO REALE!


Master Eureka, il Corso di Memoria più efficace d'Italia!


Sono sempre di più le persone che cercano un corso di memoria, per svariati motivi: risparmiare tempo nello studio, aggiornarsi nel lavoro, imparare una lingua straniera...

Non c'è da stupirsi se negli ultimi anni la richiesta è notevolmente aumentata: gli impegni sono sempre di più, lo stress aumenta e il tempo a disposizione sembra sempre meno.
Avere efficenza mentale significa essere competenti, sicuri, flessibili...in una sola parola professionisti!

Quanto aumenterebbe la produttività sul lavoro se ricordassimo ogni informazione perfettamente?

L'argomento "corso di memoria" è tanto interessante quanto discusso, non c'è da stupirsi di questo, ogni cosa innovativa passa inizialmente da una fase di scetticismo.

Ma sono veramente innovative le tecniche di memoria?
In realtà no, anzi sono antichissime!

Simonide di Ceo, vissuto tra il VI e il V secolo a.C., donò un enorme contributo in tal senso, dando avvio alla comprensione di uno dei meccanismi basilari del funzionamento della memoria.
Nessuno sa se sia avvenuto davvero, ma si racconta che il poeta fosse stato invitato a un banchetto in occasione dei giochi olimpici affinché recitasse alcune sue opere.
Una volta terminata la declamazione, si allontanò dalla sala in cui si svolgeva il banchetto. Così facendo si salvò dall'improvviso crollo del soffitto. Le macerie avevano sepolto la maggior parte degli invitati rendendoli irriconoscibili.
Desiderando dare ai propri cari una degna sepoltura, i parenti delle vittime chiesero aiuto al poeta che, ricordando la posizione dei commensali durante il banchetto, riuscì a risalire alla loro identità.

Fu così che Simonide notò una relazione tra le immagini e la capacità di ricordare: l'associazione tra i posti a sedere e i visi dei partecipanti era stata la chiave per accedere al ricordo.
Una volta capito il meccanismo, era necessario ripetere l'esperimento per verificarne la validità.
Successivamente per ricordare altre informazioni, Simonide si servì dello stesso stratagemma, trasformando lo scenario e creando quella che, in seguito, verrà chiamata "tecnica delle stanze". Questa strategia è talmente efficace che viene tuttora insegnata e applicata.

Ci furono numerosi altri autori che dedicarono i propri sforzi e i propri scritti a tale argomento: Aristotele fu uno di loro, così come Cicerone e Quintiliano.

L'arte della mnemotecnica trovò molti sostenitori fra i greci, che peraltro le fornirono anche un'origine mitica, facendo di Mnemosine la dea della memoria.
Anche i romani si avvalsero di strategie di questo tipo, utilizzandole particolarmente nell'ambito delle orazioni, di cui Cicerone fu il maestro. Esponente di un'agiata famiglia dell'ordine equestre, Cicerone fu un celebre filosofo, avvocato e scrittore latino, nonché uomo politico dell'ultimo periodo della Repubblica.

La "tecnica dei loci", trae origine proprio da questo eccelso oratore, del quale tutti conoscono le grandi capacità retoriche. Forse però non tutti sanno che per tenere discorsi così efficaci e persuasivi si serviva di strategie specifiche.

Quali sono i principi scientifici sui quali si basano le tecniche di memoria?
I principi sono 3: la memoria visiva, l'associazione, la fantasia.

La nostra mente ragiona per immagini; un banale esempio? Immaginate di essere a una festa durante la quale il padrone di casa vi presenta altri ospiti, anche solo quattro o cinque.
Appena finite le presentazioni quanti nomi ricorderete? Probabilmente nessuno!
Ma se doveste incontrare quelle persone a distanza di tempo le riconoscereste? Sicuramente si!
Questo accade perché il viso di una persona è un'immagine e rimane impressa nella memoria più profondamente di un nome, che è soltanto un suono.

L'associazione funziona come una catena: ogni anello è legato sia al precedente che al successivo e ci conduce passo dopo passo alla meta.
Il principio è semplice e si basa sulle associazioni di idee che la mente crea naturalmente quando vive una situazione: la classica canzone dell'estate ne è un chiaro esempio.
La ascoltiamo in autunno e in un attimo siamo di nuovo sulla spiaggia sdraiati al sole o immersi in una piacevole serata estiva.

La fantasia, intesa come elemento creativo e produttivo di emozioni, ha il grande potere di produrre un risultato duraturo nella memorizzazione.
La vista di un uomo mascherato da supereroe, nella piazza cittadina, che corre facendo svolazzare il suo mantello, è di maggiore impatto rispetto al classico uomo d'affari in giacca e cravatta che cammina tenendo una valigetta fra le mani.
Perché?
Perché non è cosa da tutti i giorni e ciò che è inusuale rimane impresso nella memoria con maggior forza rispetto a ciò che consideriamo banale.
In una recente puntata del programma "Voyager, il piacere della scoperta" viene affrontato in modo molto interessante il mistero della memoria.


 
In Internet si parla molto di corsi di memoria, le realtà che si occupano di questo aumentano di giorno in giorno: a chi affidarsi?
Sicuramente un aspetto fondamentale è avere informazioni sull'azienda:
da quanti anni è sul mercato?

Occorre essere dei professionisti per tenere un corso di memoria, gli "improvvisati docenti" non sono in grado di insegnare, non basta aver frequentato un corso di memoria e sapere applicare le tecniche per poter insegnare. Un bravo istruttore ha una formazione a 360°, sa parlare in pubblico per mantenere vivo l'interesse dell'uditorio, è un coach, ovvero un motivatore, perchè occorre stimolare i corsisti a credere di poter avere dei risultati straordinari!

Un' azienda grande è sinonimo di competenza e professionalità.
Altro aspetto fondamentale è l'esistenza di una sede stabile.

Noi che teniamo il Master Eureka da 10 anni sappiamo perfettamente quanto siano delicati i mesi successivi al corso. Confrontarsi con i propri libri non è facile e a volte la tentazione è quella di rifugiarsi nel classico vecchio metodo (leggi e ripeti 1000 volte) tanto odiato, ma anche tanto sicuro!

Avere un tutor che ti affianca e ti motiva ti permette di avere risultati più velocemente, permettendoti di rendere automatico l'utilizzo delle tecniche. Le tecniche di memoria non sono una bacchetta magica, ma richiedono l'applicazione costante sopratutto il primo mese.

Sei disposto a investire un mese per risparmiare tempo e energia tutta la vita?

Vuoi ulteriori informazioni sul Master Eureka?
Contattaci
  • Acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs.196/2003 Informativa Privacy
 
Piccole Strategie di Lettura

Tutto è difficile prima di essere semplice.

Thomas Fuller

Leggi tutto...
 
I principi base della lettura veloce

Conoscere i meccanismi basilari della lettura non basta per triplicare la velocità, è necessario intervenire per inserire quelle nuove abitudini che ci permetteranno di risparmiare tempo ed energie.

Leggi tutto...